Articoli


Nutrizione in menopausa

Un approfondimento sul kudzu

La menopausa è un evento fisiologico che nella donna corrisponde al termine del ciclo mestruale e dell'età fertile. L’organismo in questa fase produce in misura progressivamente inferiore gli ormoni normalmente dediti a mantenere funzionale il sistema riproduttivo femminile. Il graduale abbassamento di tali ormoni, nello specifico di estrogeni, è la causa primaria della comparsa dei tipici e fastidiosi sintomi della menopausa, detti sintomi climaterici: vampate, secchezza vaginale, sbalzi d’umore, disturbi del sonno, pelle più sottile e fragile, disturbi dell'attenzione e della memoria.

Molto importante nelle donne in menopausa è il benessere nutrizionale: l’improvviso cambiamento ormonale induce un rallentamento del metabolismo basale, motivo per cui, mangiando come prima si aumenta di peso più facilmente e la conformazione fisica e strutturale si modifica: il grasso corporeo comincia ad accumularsi principalmente a livello addominale e sul girovita.

Sono situazioni che devono essere tenute sotto osservazione in quanto possono rappresentare un rischio per la salute, causando patologie cardiovascolari ed osteoporosi.

A tal proposito, in alternativa a terapie ormonali sostitutive, sono stati proposti trattamenti a base di estratti vegetali. Tra questi di notevole interesse è il kudzu.

CHE COS’È IL KUDZU?

Il kudzu è una pianta selvatica del Giappone, appartenente alla famiglia delle Fabacee. Nell’antica medicina cinese era denominata anche "Ge Gen" e ritenuta un rimedio molto potente utile per il trattamento di un’ampia varietà di patologie.

L’efficacia degli estratti della radice tuberizzata di kudzu (Pueraria lobata) nel migliorare la sintomatologia della menopausa è data dalla presenza dell’isoflavone puerarina, che oltre ad essere facilmente assimilabile, si contraddistingue per un’altissima biodisponibilità e una notevole stabilità.

Le principali azioni dell’estratto di kudzu sono le seguenti:

  • favorisce la remineralizzazione ossea in un contesto di osteoporosi;
  • contribuisce al miglioramento del microcircolo e del flusso arterioso;
  • ha un’azione protettiva sui disturbi indotti dall´adrenalina (vampate);
  • regola il ritmo cardiaco (palpitazioni) e contrasta gli sbalzi pressori;
  • ha un’attività miorilassante;
  • è un naturale antipiretico ed antidolorifico;
  • possiede un’attività antiossidante.

UTILIZZO

Questo estratto può essere utilizzato per preparare una classica bevanda facendo sciogliere un cucchiaino di kudzu in una tazza d'acqua fredda e mescolando fino ad ebollizione.

Un’altra caratteristica preparazione è la bevanda Ume-Sho-Kudzu, ottenuta facendo sciogliere un cucchiaino di kudzu in una tazza d’acqua, aggiungendo una prugna umeboshi schiacciata e mescolando fino ad ebollizione.

Viene anche impiegato per preparare il budino di mele-kudzu, facendo sciogliere due cucchiaini di kudzu in una tazza di succo di mele e mescolando fino ad ebollizione.

Il kudzu si reperisce anche sotto forma di integratore in compresse nei negozi specializzati.

                                                                            Redatto da Progeo s.r.l.

                                                                            Largo XXIV Maggio 14

                                                                            63076 Centobuchi di Monteprandone (AP)