FAQ


Quesiti frequenti

Elenchiamo i quesiti più frequenti rilevati durante la nostra attività o che emergono dal dialogo con i nostri lettori. Siamo lieti quando riusciamo ad aggiungere le domande più interessanti e cerchiamo di coprire la maggior parte dei casi.

Utilizzo già da un pò di tempo il programma Nutrigeo® a scelta multipla e devo dire che risponde bene alle mie esigenze, avrei solo bisogno di capire come potrei fare nel caso in cui volessi ridurre le quantità di pasta assegnate. (Dott.ssa A.S. Bari)

Gentile utente, tenga presente che le quantità di pasta che trova nell'elaborato finale sono una conseguenza degli apporti energetici assegnati e in particolare della quota di glucidi. Per ridurre le quantità di pasta lei può agire in vari modi:

Gentile utente, tenga presente che le quantità di pasta che trova nell’elaborato finale sono una conseguenza degli apporti energetici assegnati e in particolare della quota di glucidi. Per ridurre le quantità di pasta lei può agire in vari modi:

  • ridurre la quota di glucidi, pur mantenendo degli apporti globali equilibrati;

  • aggiungere degli alimenti, fonti di carboidrati, nell’arco della giornata o in pasti secondari;

  • fare in modo che la percentuale della prima colazione sia almeno del 15-20% rispetto al totale della giornata;

  • se assegna in alcuni giorni snack vegetali o insalatone può anche non inserire il primo e la quantità di pane assegnata andrà a sopperire a tale assenza.

So che i vostri software di terapia alimentare offrono diverse soluzioni per andare incontro alle persone che consumano pasti fuori casa e che hanno poco tempo per la preparazione dei cibi. Vorrei sapere se è possibile far comparire in una stessa dieta lo snack, le insalatone, lo snack vegetale e i piatti freddi. (Dott.ssa M.A. Siena)

I nostri software sono molto flessibili il che significa che lei può strutturare la dieta come meglio crede, il preciso sistema di calcolo farà in modo di conciliare le sue scelte con le varie esigenze nutrizionali. Per le persone che hanno poco tempo per la preparazione dei pasti, potrà ovviamente inserire nello stesso piano alimentare insalatone, snack, snack vegetali e piatti freddi, alternandoli nel modo che ritiene più adatto per andare incontro alle esigenze del paziente. Per ottimizzare ancor di più le preparazioni potrà anche attivare le seguenti funzioni: Dieta fast (livello 1/livello2), cha fa in modo che il software scelga solo le preparazioni che richiedono meno tempo; Visual weight, attraverso il quale molti alimenti figurano in dieta con criteri alternativi alla grammatura (porzioni, cucchiaio, cucchiaino, bicchiere,…).

Ho alcuni pazienti vegetariani, come devo fare per elaborare la dieta in poco tempo senza dover escludere manualmente tutti gli alimenti che non devono essere inseriti e fissare quelli che vorrei assegnare? (Dott.P.E. Bari)

È molto semplice e inoltre la procedura descritta di seguito vale per qualsiasi stile alimentare. Tra la opzioni di Personalizzazione di Nutrigeo® a menu giornaliero trova la dicitura SU RICHIESTA, accedendo a questa funzione, potrà costruire un profilo, scegliendo tra gli alimenti dell’archivio quelli che vuole utilizzare nell'elaborazione e quelli che invece preferisce definire “su richiesta” e che quindi non saranno disponibili. Una volta stilato il profilo, lo potrà salvare in modo tale da poterlo selezionare tutte le volte in cui avrà da elaborare una dieta per un paziente con le stesse esigenze alimentari. Basterà selezionare il profilo e su quella base il software elaborerà la dieta.

Ho notato che nel software Nutrigeo® a menu giornaliero è prevista l’assegnazione della frutta e della verdura in base alla disponibilità stagionale, alcuni tipi di verdura però nelle nostre zone sono disponibili tutto l’anno. È possibile modificare la stagionalità, oppure è fissa? (Dott. M.M. Rimini)

Sono state previste una serie di funzioni che permettono di personalizzare la dieta in vari modi, tra queste vi è appunto la possibilità di accedere all'archivio alimenti e di modificarne la stagionalità impostata come predefinita.

Nell’archivio di alimenti sia di Nutrigeo® a menu giornaliero che Nutrigeo® a scelta multipla ho notato che non sono presenti barrette sostitutive del pasto, è possibile inserirle in qualche modo? (Dott. E.R. Napoli)

Sono previste molte soluzioni pratiche e gradite per tutte quelle persone che hanno tempi ridotti sia per la preparazione che per il consumo del pasto (insalatone, pasti snack, snack vegetali, pasta fredda). Si tratta di soluzioni perfettamente in linea con una dieta equilibrata e che garantiscono la completezza nutrizionale che tali barrette sostitutive non possono dare. Ecco il motivo per cui non le trova nell’archivio alimenti. Ciò non toglie che lei possa inserire determinati prodotti come Integratori, all’interno di un archivio completamente autogestibile, indicandone composizione e caratteristiche, ed assegnarli quindi nel piano alimentare per l’elaborazione della dieta.

In linea generale per l’elaborazione delle diete di mantenimento quale programma mi consigliate di utilizzare, Nutrigeo® a menu giornaliero o Nutrigeo® a scelta multipla? (Dott. B.A. Palermo)

Entrambi i software sono adatti allo scopo, la scelta dipende dalle caratteristiche del paziente, dal percorso dietetico seguito e dal metodo personale; in genere noi consigliamo di utilizzare una dieta a menù giornaliero (Nutrigeo® a menu giornaliero), come la dieta iniziale, anche per il mantenimento, assegnando più alternative ed inserendo pasti e/o giorni liberi. In questo modo si ottiene una dieta che permette di stabilizzare i risultati raggiunti e che rappresenta una sorta di transizione tra la dieta iniziale e le linee guida finali. Queste ultime potranno essere elaborate con il Nutrigeo® a scelta multipla. Può anche elaborare la dieta di mantenimento con il programma a scelta multipla, con caratteristiche diverse da quelle delle linee guida finali, sia per quanto riguarda la struttura del piano alimentare, che per gli apporti energetici e nutrizionali.

Apprezzo notevolmente la completezza dell’archivio di patologie presente nei vostri software, tra l’altro è molto chiara anche la classificazione, tuttavia volevo chiedere come mai non compare la voce Lupus eritematoso sistemico? (Dott. A. R. Roma)

L’archivio di patologie che trova nel software Nutrigeo® 8 corrisponde a tutte quelle condizioni che secondo la moderna scienza della nutrizione sono universalmente riconosciute come suscettibili di trattamento dietetico, tanto che le voci presenti  sono le stesse che trova nelle più accreditate pubblicazioni di nutrizione clinica. Ciò non toglie comunque la possibilità di trattare anche quelle situazioni di cui esistono solo prove in studio: lei potrà infatti, attraverso il metodo transdiagnostico, attivare dei trattamenti, scegliendo all’interno di un ampio elenco, in modo da comporre la terapia come meglio crede, sia agendo sulla selezione degli alimenti che sulle quantità.

Ho notato che tra le patologie alcune sono caratterizzate da due livelli, Livello 1 e Livello 2, a cui corrispondono delle esclusioni diverse di alimenti, qual è la differenza e in quali casi dovrei selezionare il primo o il secondo livello? (Dott. L. C. Venezia)

I due livelli presenti in alcune patologie corrispondono alla differente gravità della condizione stessa, ovvero in base alla gravità della patologia lei selezionerà il Livello 1, che esclude un certo numero di alimenti, oppure nel caso in cui la patologia sia di un grado più severo, selezionerà il Livello 2 che estende l’esclusione ad un maggior numero di alimenti.

Le quantità di verdure assegnate dai software Nutrigeo® a menu giornaliero e Nutrigeo® a scelta multipla possono essere modificate in qualche modo oppure sono fisse? (Dott.ssa L. F. Novara)

Le quantità di alcune categorie di alimenti, Verdure, Frutta, Carne e pesce, possono essere modificate accedendo alla Attivazione manuale dei trattamenti dietetici e scegliendo uno o più Trattamenti attivi sulle quantità. La modifica può essere di Riduzione e in alcuni casi anche di Incremento ed è visibile nella apposita sezione. Questa importante funzione dei nostri software può essere utilizzata sia a scopi terapeutici che per andare incontro ad esigenze di gusti personali del paziente.

Spesso dalle pazienti di sesso femminile ricevo la richiesta di migliorare, oltre al sovrappeso, la condizione di ritenzione idrica e la cosiddetta “cellulite”, quali patologie devo attivare? Avete ulteriori consigli per l’elaborazione della dieta in questi casi? (Dott. C. A. Bari)

Per il trattamento di tale condizione lei ha la possibilità di scegliere tra due vie: può selezionare la Pannicolopatia edematofibrosclerotica, che trova nell’archivio delle patologie dermatologiche ed estetiche, che attiverà automaticamente una serie di scelte del software atte al trattamento del caso in questione; oppure può attivare manualmente all’interno dei trattamenti dietetici di base la Dieta a ridotto contenuto di sodio, di cui esistono due livelli in base alla maggiore o minore gravità della condizione. Le consigliamo inoltre di elaborare una dieta completa ed equilibrata che garantisca la copertura dei fabbisogni personalizzati di macro e micronutrienti; in questo modo si potranno avere sicuri benefici nello stato di salute.

A colleague of mine who uses your software told me that it is a valid aid for proposing healthy Mediterranean style diets to his patients; I work in the USA and should like to know if I bought the same software, would I be able to process diets that integrate the basic principles of the Mediterranean diet with the food items available in the United States? ( Doctor E. H. Boston USA)

Thanks to our software the Mediterranean eating style can be adapted to any situation; you can in fact act on a wide and varied archive of food items, rendering the ones that are the easiest to find in the area in which you are working available and those that are less easier to find, on the other hand, unavailable. In this way you will build profiles which can be named and saved in order to be selected each time you wish to use them. You can also establish a basic profile and then create others to be utilized in determined conditions.